Criteri di valutazione

La valutazione

Premesso che la valutazione pur avvalendosi del supporto delle prove orali, scritte, pratiche e grafiche rimane comunque un giudizio globale ed individualizzato che deve tenere conto del percorso di ogni singolo alunno, nella valutazione sono da considerare i seguenti aspetti:

  • Livello di acquisizione delle conoscenze, delle abilità/capacità e delle competenz;
  • Corretto uso di sottocodici linguistici, organizzazione ed espressione dei contenuti appresi;
  • Grado di rielaborazione concettuale;
  • Grado d’impegno, di organizzazione e capacità di recupero delle lacune e dei deficit di apprendimento;
  • Qualità del lavoro scolastico rilevabile in termini di attenzione, partecipazione assidua al dialogo educativo e alle attività integrative, collaborazione, sistematicità puntualità e rispetto delle consegne;
  • Miglioramento rispetto al livello di partenza.

Nel rispetto dei criteri elencati la valutazione terrà conto della griglia approvata dal Collegio dei docenti nella seduta dell’11/09/2015 (all.1 del verbale riportato di seguito).


Debiti

Nella valutazione finale possono essere assegnati all’alunno, di norma, tranne casi eccezionali motivati e verbalizzati, fino a tre debiti.

Criteri di non ammissione

Per render omogenea la valutazione finale il collegio ha stabilito per la non ammissione alla classe successiva i seguenti criteri:

Due valutazioni nulle due 2
Una valutazione nulla e due insufficienze gravi un 2 e due 4
Una valutazione nulla, una insufficienza gravissima e una insufficienza non grave un 2, un 3 e un 5
Due insufficienze gravissime e una insufficienza grave due 3 e un 4
Quattro insufficienze gravi quattro 4
Una valutazione nulla e quattro insufficienze non gravi un 2 e quattro 5
Due insufficienze gravissime e due insufficienze non gravi due 3 e due 5
Una insufficienza gravissima, una insufficienza grave e tre insufficienze non gravi un 3, un 4 e tre 5
Tre insufficienze gravi e due insufficienze non gravi tre 4 e due 5
Una insufficienza gravissima e cinque insufficienze non gravi un 3 e cinque 5
Due insufficienze gravi e quattro insufficienze non gravi due 4 e quattro 5
Tutti i casi in cui le insufficienze siano sette o più di sette La somma degli scarti per raggiungere la sufficienza in ogni disciplina



Le classi quinte

Gli alunni della classe quinta possono essere ammessi agli esami di stato se conseguono una valutazione non inferiore a sei in tutte le discipline, compreso il voto di comportamento.

Applicazione e sospensione di giudizio

Nel caso di sospensione del giudizio durante gli scrutini di giugno per gli alunni che non hanno conseguito la sufficienza in una o più discipline, nel mese di agosto sono programmate le prove di verifica e la deliberazione della valutazione da parte del consiglio di classe .
In tale scrutinio, l’alunno che ha avuto il giudizio sospeso nel mese di giugno non viene ammesso alla classe successiva quando, agli esami di recupero, non abbia riportato un significativo miglioramento in TUTTE le discipline in cui aveva avuto il debito (con un tetto massimo di tre), e non sia in grado conseguentemente di affrontare proficuamente il successivo anno scolastico. I criteri suddetti saranno adattati in sede di scrutinio ai singoli casi, facendo salve eventuali specificità rappresentate e verbalizzate.


Criteri di valutazione adottati dal Collegio dei Docenti

Voti Obiettivi
numerico Conoscenze Abilità e capacità
Due Nessuna o rifiuto della prova Nessuna o non espresso
Tre Gravemente lacunose e non pertinenti Applicazione inesistente o gravemente errata. Non è in grado di effettuare analisi/sintesi/collegamenti. Non utilizza il linguaggio specifico
Quattro Lacunose e frammentarie. Non sa cogliere il senso di una informazione e risponde in modo disorganico e dispersivo Applicazione errata. Fatica ad orientarsi e effettua in modo scorretto analisi/sintesi/collegamenti. Non utilizza il linguaggio specifico
Cinque Frammentarie e superficiali o non sempre corrette. Coglie in modo incerto il senso di una informazione Applicazione con errori non gravi. Effettua analisi/sintesi/collegamenti parziali e imprecise. L’utilizzo del linguaggio specifico è incerto
Sei Complete ma essenziali. Coglie il senso delle informazioni ma non le organizza autonomamente Applicazione con qualche imperfezione. Effettua semplici analisi/sintesi/collegamenti. Utilizza un linguaggio corretto ma poco articolato
Sette Corrette ed esaurienti. È autonomo nella comprensione Applicazione sostanzialmente corretta. Riesce ad organizzare le conoscenze e le procedure di analisi/sintesi/collegamenti acquisite. Utilizza un linguaggio specifico e appropriato
Otto Complete e approfondite. Riesce ad interpretare con sicurezza ed autonomia le conoscenze acquisite Applicazione precisa anche in compiti complessi. Effettua analisi/sintesi/collegamenti approfondite e corrette. Si esprime in modo organico e articolato
Nove/dieci Complete, approfondite, puntuali e rielaborate. Interpreta e organizza autonomamente le conoscenze proponendole anche in modo personale Applicazione autonoma e rigorosa anche in situazioni nuove. Effettua analisi/sintesi/collegamenti originali. Utilizza un linguaggio specifico ricco e incisivo


Criteri per l'attribuzione del voto per il comportamento

Il voto di comportamento in occasione della valutazione intermedia e finale viene definito secondo tre Competenze chiave di cittadinanza:

  1. Agire in modo autonomo e responsabile;
  2. Collaborare e Partecipare;
  3. Comunicare.

La votazione sul comportamento degli studenti, attribuita collegialmente dal consiglio di classe concorre, unitamente alla valutazione degli apprendimenti, alla valutazione complessiva dello studente ed è espressa in decimi. Essa è proposta dal docente coordinatore in sede di scrutinio, sentito il parere degli altri componenti del consiglio di classe e sarà attribuita in base alla Griglia approvata dal Collegio dei Docenti con delibera n. 492 del 13 ottobre 2016 di seguito riportata. Il C. di C. assegna in caso di comportamenti esemplari il voto di dieci decimi (è richiesta tuttavia l’unanimità del consiglio).
In relazione inoltre al Decreto Legge 1 settembre 2008 n. 137 e al Decreto Ministeriale 16 gennaio 2009 n.5 attinenti alla valutazione del comportamento degli studenti, si fa presente che:

  1. La valutazione del comportamento concorre, unitariamente alla valutazione degli apprendimenti, alla valutazione complessiva dello studente; pertanto il voto di condotta fa media con i voti di profitto e, per gli ultimi tre anni del ciclo, ha influenza sul Credito Scolastico;
  2. La valutazione del comportamento inferiore alla sufficienza, ossia a 6/10 (sei/decimi), riportata dallo studente in sede di scrutinio finale, comporta la non ammissione al successivo anno di corso o all’esame conclusivo del ciclo di studi

Per quanto riguarda l’attribuzione di una votazione insufficiente, si sottolinea che tale valutazione deve essere sempre adeguatamente motivata e verbalizzata in sede di effettuazione dei Consigli di Classe.

Criteri di valutazione del comportamento

Competenze di cittadinanza Obiettivi Descrittori
Agire in modo autonomo e responsabile Acquisizione di una coscienza civile e della consapevolezza dei diritti e dei doveri degli studenti all’interno della Comunità scolastica.
  • L’alunno è corretto, con il dirigente scolastico, i docenti, i compagni, con il personale della scuola.
  • Rispetta gli altri e i loro diritti, aiuta e collabora con chi si trova in difficoltà.
  • Ha un atteggiamento e un linguaggio consoni all’ambiente scolastico.
  • Utilizza in modo responsabile i materiali, le strutture e gli ambienti, con particolare riferimento all’igiene, all’ordine ed al decoro.
  • Osserva le disposizioni circa la sicurezza e l’emergenza; rispetta i segnali di allarme e i materiali installati nella scuola ai sensi della normativa vigente sulla sicurezza nei luoghi pubblici.
  • Rispetta il dettato dei Regolamenti d’Istituto, in particolare assicura il rispetto del divieto di fumo, dell’utilizzo dei cellulari e di altre apparecchiature con analoghe capacità di registrare immagini e suoni.
Collaborare e partecipare Collaborazione e partecipazione al progetto formativo.
Riconoscimento del valore dell’attività didattica.
  • Frequenta con assiduità le lezioni e rispetta con puntualità gli orari, assicura la presenza alle lezioni in occasione di verifiche stabilite dai docenti; non partecipa ad ingiustificate astensioni di massa dalle lezioni. Rispetta il Regolamento d’Istituto in riferimento alle prescrizioni circa entrate posticipate ed uscite anticipate. Giustifica in modo tempestivo e responsabile le assenze, le entrate posticipate e le uscite anticipate;
  • Durante le attività didattiche è attento ed educato e collabora in modo propositivo e consapevole;
  • Si comporta in modo responsabile anche durante le visite d’istruzione, i viaggi d’istruzione, gli stage esterni e le attività extrascolastiche. Sa accettare con fiducia gli esiti scolastici, compreso l’insuccesso. E’ solerte nel diffondere alla famiglia le comunicazioni della scuola e a restituirne eventuali ricevute;
  • Si impegna con costanza nel lavoro scolastico, nell’esecuzione dei compiti a casa in tutte le discipline, nel portare i materiali richiesti, nel rispetto puntuale delle consegne date dai Docenti;
  • Segue con interesse continuo le proposte didattiche e partecipa attivamente a tutte le iniziative scolastiche;
  • Collabora con i docenti nella preparazione di materiali utili alla didattica.
Comunicare Sviluppo di capacità di dialogo e di comunicazione positiva
  • Sa intervenire in modo appropriato durante le lezioni, per chiedere aiuto o approfondimenti. Comunica in modo corretto adeguando il registro della comunicazione all’interlocutore, alla situazione e al contesto;
  • Sa esprimere e sostenere il proprio ragionamento, le motivazioni del proprio agire, anche in situazioni conflittuali, esercitando l’autocontrollo;
  • Sa ascoltare le ragioni degli altri, manifestando sempre e comunque rispetto per l’interlocutore ed evitando atteggiamenti polemici e/o intolleranti.

Voto numerico:

  • 10 = l’alunno raggiunge un livello di eccellenza in ogni competenza e i docenti del consiglio di classe deliberano all’unanimità l’assegnazione del 10
  • 9 = l’alunno raggiunge un livello molto elevato in ogni competenza
  • 8 = l’alunno raggiunge un livello complessivamente buono, ma non sempre rispetta tutti i descrittori
  • 7 = l’alunno raggiunge un livello complessivamente discreto ed è talvolta irregolare nel rispettare tutti i descrittori
  • 6 = l’alunno raggiunge un livello sufficiente solo in alcune competenze e spesso non rispetta i descrittori
  • 5/4 = l’alunno non consegue nessuna delle competenze e non rispetta nessuno dei descrittori (art. 7 del DPR 22/06/2009 n. 122) con la non ammissione alla classe successiva o all’esame di stato


Valutazione delle competenze trasversali relative all'ASL

Nell’ambito della recente riforma dell’esame di Stato, maggiore peso viene dato alla valutazione delle competenze trasversali e concernenti Cittadinanza e Costituzione: le stesse attività svolte nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro diventano oggetto di valutazione nel colloquio anche all’Esame di Maturità.